La Biblioteca incrementa le proprie raccolte anche acquisendo volumi singoli o intere collezioni inviati in dono, purché compatibili con la fisionomia e con la storia dell’Istituto.

Di norma, non si accettano:

  • estratti di riviste o di opere collettive, a meno che non siano strettamente inerenti la storia della biblioteca o dei suoi fondi
  • autoedizioni
  • pubblicazioni di esclusivo interesse locale, fatta eccezione per l’area bolognese ed emiliano-romagnola che la Biblioteca incrementa nel quadro della sezione locale. 

Per i doni accettati la Biblioteca si impegna ad inviare ai donatori (tramite e-mail o posta ordinaria) ricevuta dell’avvenuta presa in carico dei volumi con comunicazione del numero di inventario attribuito.

I doni che non risultino congrui non saranno accettati, senza obbligo di restituzione al donatore. 

I volumi non accettati potranno essere destinati, a discrezione dell’Ufficio Acquisizioni, ad altre raccolte di biblioteche pubbliche (progetti di scambio) oppure ceduti in omaggio agli utenti della Biblioteca tramite iniziative di giveaway (progetto ApPrendodallaBUB).

In caso di lasciti testamentari o donazioni di intere raccolte è necessario indirizzare la propria offerta alla direzione della Biblioteca. Per l'accettazione di fondi di notevoli dimensioni, la decisione è affidata al Comitato scientifico della Biblioteca.